Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017

ricerca

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 è accessibile per tutte le imprese che investono in attività di R&S, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato. È una delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015.

Il Governo prevede un credito d’imposta che sarà applicato dal 31 dicembre 2014 al 31 dicembre 2020 per tutte le categorie di imprese che effettueranno investimenti in attività di R&S, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico e dal regime contabile adottato.

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 sarà pari al 50% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015. Per le imprese attive da meno di tre periodi di imposta, la media degli investimenti in R&S sarà calcolata sul minor periodo a decorrere dalla costituzione.

L’importo massimo annuale concedibile è di 5 milioni di euro per ciascun beneficiario, purché le spese per attività di ricerca e sviluppo non siano inferiori a 30.000 euro.

Se vuoi essere ricontattato per il credito d’imposta su ricerca e sviluppo scarica e compila la seguente scheda:

SCHEDA GRATUITA CREDITO D’IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO

 

Per approfondimenti sul credito d’imposta ricerca e sviluppo vedi anche:


- Soggetti interessati credito d’imposta ricerca e sviluppo
-
Spese ammissibili credito d’imposta ricerca e sviluppo
- Calcolo credito d’imposta ricerca e sviluppo
- Cumulabilità credito d’imposta ricerca e sviluppo

 

 

Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 vedi anche:

Finanziamenti europei 2017
Contributi a fondo perduto 2017
Prestito d’onore 2017
Finanziamenti imprese giovanili 2017
Imprenditoria femminile
Finanziamenti nuove imprese Legge 236
Finanziamenti a fondo perduto 2017
Fondo di garanzia 2017
Finanziamenti startup innovative 2017

 



Bandi di Finanziamento in evidenza