Contributi a fondo perduto per iniziative imprenditoriali giovanili sottoforma di cooperative o consorzi

12 aprile 2012
Piemonte
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Email

La regione Piemonte, nell’ambito del “Piano Giovani 2011/2013”, ha stanziato 2 milioni di euro in favore della misura 10 “Cooperative giovani di partite IVA”, volta a promuovere iniziative imprenditoriali giovanili sottoforma di cooperative o consorzi.

BENEFICIARI

Beneficiari del finanziamento sono:
-
le società cooperative di nuova costituzione a mutualità prevalente formate per almeno il 60% dei soci da giovani lavoratori autonomi di età compresa tra i 18 e i 35 anni;

- consorzi di nuova costituzione in forma cooperativa di imprese costituite da giovani: imprese individuali; società di persone e società cooperative (almeno il 60% dei soci devono essere giovani); società di capitali (almeno i 2/3 delle quote di capitale devono essere detenute da giovani e l’organo di amministrazione deve essere composto da giovani per almeno i 2/3).

Gli interventi sono destinati a soggetti beneficiari di nuova costituzione. Ai fini del presente programma vengono considerati tali i soggetti che presentano domanda entro i 24 mesi dalla data della loro costituzione.

Possono presentare domanda di ammissione alle agevolazioni i soggetti beneficiari che hanno sede legale ed operativa nel territorio della Regione Piemonte.

INVESTIMENTI FINANZIABILI

La misura prevede due tipologie di agevolazione: un finanziamento a tasso agevolato e un contributo a fondo perduto.

La domanda di finanziamento a tasso agevolato, di importo complessivo degli investimenti non inferiore a Euro 10.000,00 (IVA esclusa), deve essere finalizzata al conseguimento di uno tra i seguenti obiettivi:
a) realizzazione di investimenti in macchinari, attrezzature, arredi, automezzi (è escluso l’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di soggetti beneficiari operanti nel settore del trasporto su strada);
b) attivazione o adeguamento di impianti tecnici e dei locali necessari per l’esercizio delle attività.

La domanda di contributo a fondo perduto prevede un importo complessivo delle spese non inferiore a Euro 8.000,00 e non superiore a Euro 100.000,00. Il contributo viene calcolato in ragione del 50% della spesa ritenuta ammissibile e dunque avrà un importo minimo di Euro 4.000,00 e un importo massimo di Euro 50.000,00.

La domanda di contributo deve essere finalizzata al conseguimento di uno o più tra i seguenti obiettivi:
c) copertura delle spese generali di avvio comprese le spese di assistenza tecnica-gestionale connesse all’attività;
d) introduzione e sviluppo dei sistemi di certificazione di qualità e della rintracciabilità dei prodotti (spese per ottenere le certificazioni ISO di prodotto, di sistema e ambientali); e) creazione di reti commerciali, in via telematica;
f) formazione professionale e manageriale dei soci;
g) introduzione e consolidamento di sistemi di rendicontazione sociale (bilancio sociale, bilancio ambientale e bilancio di sostenibilità).

SPESE AMMISIBILI

Sono considerate ammissibili ai fini della richiesta di finanziamento agevolato le seguenti spese se sostenute entro i sei mesi precedenti la data della domanda:

Investimenti produttivi (piano di ammortamento di 6 anni di cui un anno di preammortamento):

a) acquisto di macchinari e/o automezzi connessi esclusivamente all’attività aziendale (è escluso l’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di soggetti beneficiari operanti nel settore del trasporto su strada); b) opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni in genere, impianti tecnici nonché spese di progettazione; c) acquisto di arredi strumentali; d) acquisto di attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi.

Sono ritenuti ammissibili anche i beni usati, ma non sono ammissibili le spese per beni usati ceduti da soci del soggetto beneficiario; non è ammissibile la spesa per avviamento commerciale.

Non sono ritenuti ammissibili i beni acquisiti o da acquisire in leasing e le spese relative a prestazioni effettuate dal personale dei soggetti beneficiari.

Sono considerate ammissibili ai fini del contributo a fondo perduto le seguenti spese di avvio:
a) consulenza ed assistenza alla costituzione del soggetto beneficiario;
b) contratti per l’effettuazione dei collegamenti ai servizi necessari per l’avvio dell’attività (esclusi i canoni);
c) pubblicità (compresa la realizzazione del logo), esclusa la spesa per partecipazione a fiere ed altre manifestazioni;
d) parcelle per prestazione professionale di consulenza o di collaborazione per la stesura del progetto di sviluppo;
e) eventuali canoni di affitto (contratto registrato secondo la vigente normativa) per immobili destinati alle attività aziendali;
f) assistenza tecnica e gestionale (tenuta della contabilità, spese per servizi tecnico-professionali finalizzati al miglioramento e allo sviluppo della gestione e della conduzione del soggetto beneficiario, ecc);
g) Altre spese e/o consulenze

AGEVOLAZIONE

Il finanziamento agevolato copre fino al 100% delle spese ritenute ammissibili e viene erogato in anticipo sulle spese, con le seguenti modalità:
- 60% fondi regionali a tasso zero;
- 40% fondi bancari a tasso convenzionato.

L’intervento del Fondo regionale non può comunque superare l’importo di Euro 120.000,00; le domande potranno essere presentate per un importo massimo di spesa ammissibile (IVA esclusa) pari ad Euro 200.000,00.

Il finanziamento avrà durata massima di 6 anni (di cui uno di preammortamento) per gli investimenti così come indicati al precedente paragrafo 5. Il piano di rimborso è regolato in rate trimestrali posticipate, con scadenza ultimo giorno del trimestre solare (marzo, giugno, settembre e dicembre).

 Il contributo a fondo perduto viene concesso nella misura del 50% della spesa riconosciuta ammissibile (IVA esclusa), importo minimo di Euro 4.000,00 a fronte di una spesa ammissibile minima di Euro 8.000,00 e importo massimo di Euro 50.000,00 a fronte di una spesa ammissibile massima di Euro 100.000,00.

Termine per la presentazione delle domande: 01/11/2012.

COMPILA IL MODULO PER IL FINANZIAMENTO, SCEGLI TRA:

PRIVATI IMPRESE
Modulo finanziamenti per apertura nuove attività Modulo per ditte individuali e società già costituite

Condividi questa pagina



Bandi di Finanziamento in evidenza